Cannella: proprietà, benefici e controindicazioni di un’antica spezia

La cannella è una spezia antica, conosciuta in epoche passate in virtù per sue proprietà antisettiche e aromatizzanti.                                                                                                                                                   Solo in quest’ultimo, in seguito a studi medico-scientifici sono venute alla luce tutte le sue proprietà benefiche, mirate ad assicurare il benessere di tutto l’organismo.                                                    Vediamo dettagliatamente tutte le proprietà di questa spezia, partendo dalla sua storia. 

Cenni botanici                                                                                                 

La cannella, il cui nome botanico è Cinnamomun Verum è un albero di grandi dimensioni, originario dello Sri Lanka (Isola del Ceylon), dell’India e del Medio Oriente, appartenente alla famiglia delle Lauraceae.                    La droga è contenuta nella corteccia della pianta che viene raccolta, fatta essiccare e liberata del parenchima superficiale.                                                                            In questo modo si ottengono le caratteristiche stecche a forma di tubo, che tutti conosciamo, aventi una lunghezza che varia dai 20 agli 80 cm ed un diametro di 10 mm.                                                                                    A questo punto, la cannella è pronta per essere commercializzata.

Composizione della droga

La droga come già accennato è contenuta nella corteccia ed è costituita da:                     

  • Olio essenziale per circa l’1% in cui spiccano:  
  • aldeide cinnamica (per il 90%) eugenolo,
  • tannini,
  • polifenoli tra cui epicatechine,
  • acidi fenolici,
  • polisaccaridi,
  • procianidine.

Composizione dell’olio essenziale

L’olio essenziale di cannella, ottenuto per distillazione a corrente di vapore alternata della sua corteccia, ha una composizione chimica degna di nota.                                  Esso si presta essere diffuso negli ambienti per purificarli e deodorarli, per il massaggio sportivo e per quello defaticante antinfiammatorio, in caso di dolori articolari e muscolari.                                                              Tra i suoi componenti vanno citati cinnamaldeide (65%), cinnamilacetato, eugenolo, cariofillene, linalolo,  procianidine, polisaccaridi, acido cinnamico e acidi fenolici.                                      

Proprietà della cannella

La cannella è nota spezia di colore giallo-marroncino, dal sapore piccante impreziosito da note dolciastre, che ne fanno un ingrediente prezioso, soprattutto in ambito culinario, per esaltare il sapore di molti primi piatti come i risotti, per preparare biscotti e dolci (come ad esempio lo strudel di frutta) o per aromatizzare liquori.                                    Le proprietà di questa spezia non si fermano soltanto al gusto e all’aroma, ma vanno ben oltre.                                                               Essa ha infatti effetti benefici per la nostra salute.

Ipoglicemizzante

La prima è senz’altro quella ipoglicemizzante, conferitole dai polifenoli, rivolta a regolare i livelli di glucosio nel sangue, a prevenire e a coadiuvare il diabete mellito di tipo 2 (non insulino-dipendente).

Antivirale

La seconda è quella antivirale, data dell’olio essenziale, che ne fa un’eccellente alleata contro febbre, influenza e virus intestinali.                                                                    La sua azione si estende bloccando la proliferazione virale, ma decongestionando  le mucose intestinali.

Antibiotica

La terza proprietà e quella antibiotica. Sembrerebbe che la cannella possegga un’azione antibiotica nei confronti di alcuni batteri gram positivi e gram negativi ed un batterio in particolare, quello che provoca la Candida Albicans.

Antinfiammatoria

La quarta proprietà è quella astringente e antinfiammatoria.  Il suo uso aiuta a placare gli spasmi dolorosi legati alla sindrome premestruale, alla dismenorrea e dei processi infiammatori a carico dell’apparato osteoarticolare come artrosi e artriti.                                                Inoltre, è un ottimo coadiuvante nelle diarree anche croniche, dove funge da decongestionante delle mucose intestinali, grazie ai tannini.

Termogenica e dimagrante

La quinta proprietà è quella termogenica. L’utilizzo della cannella svolge un’azione “bruciagrassi”, aiuta a ridurre lo stimolo della fame e coadiuva la perdita di peso ovviamente sempre abbinata ad un regime alimentare corretto e ad una sana alimentazione.

Antiossidante

La sesta proprietà è quella antiossidante. Questa spezia, grazie alla presenza di epicatechine e procianidine, aiuta a ridurre lo stress ossidativo cellulare e a limitare i danni dei radicali liberi.

Neuroprotettiva

La settima proprietà è quella neuroprotettiva. Alcuni studi evidenziano come l’uso costante e quotidiano di piccole quantità di cannella, aiutino a prevrnire alcune malattie degenerative come il morbo di Parkinson, l’Alzehimer.            Inoltre, il suo consumo, aiuta a favorire le funzioni mnemoniche e cognitive.

Alcuni consigli sull’utilizzo della spezia

La cannella aiuta ad esaltare il sapore di molti piatti ed è utile per preparare deliziose tisane.    Basta aggiungerne una piccola quantità alle mele cotte, oppure aggiungerla per preparare gustosi risotti.                                                        Se volete stupire tutti, potete apportare una variante al soffritto con cui preparate il vostri risotti.                                                        Aggiungete alla cipolla tritata e all’olio destinato al soffritto un cucchiaino di cannella, uno di pepe nero e una spolverata di noce moscata e poi procedere alla classica cottura del riso.

La cannella nelle tisane     

Provate, ad aggiungere un po’ di corteccia di cannella sbriciolata al tè (meglio se nero), ne ricaverete un infuso dal sapore ineguagliabile.    Per non parlare del caffè, aggiungetene un pizzico alla vostra tazzina di espresso, ne esalterà il sapore in modo unico.                            Oltre a preparare deliziosi infusi, vi consiglio di tenere sempre in dispensa una scorta di questa spezia in bastoncini o in polvere: è un toccasana per la salute e ci potrete preparare, in qualsiasi momento, una tisana utile per combattere il raffreddore.                            Portate ad ebollizione un cucchiaio raso di corteccia di cannella in 200 ml di acqua. Aggiungete poi il succo di due limoni spremuti e 2 cucchiai di miele.                                                La costipazione sarà un brutto ricordo!                L’uso di questa magica spezia non solo vi consentirà di portare un tocco di sapore ai vostri piatti, ma li tenderà anche più leggeri, digeribili e sazianti.

Dove acquistarla

Inutile specificare che la cannella è reperibile nelle migliori erboristerie, dove si trova sotto forma di stecche o in polvere.                             La vera cannella, quindi,  non va mai confusa con quella cinese, il cui nome botanico è Cinnamomun cassia.                                                Essa ha infatti un colore più scuro, un’aroma meno intenso e una qualità più scadente ed molto usata nella cucina vietnamita.                      La qualità suprema è quella coltivata nello Sri Lanka, il Cinnamomun verum, soprannominata “Regina di Ceylon”.

Controindicazioni della cannella

Alle dosi raccomandate la cannella non presenta controindicazioni.                                    I suoi effetti collaterali sono quindi legati ad un iperdosaggio e si manifestano con tachicardia, diarrea, dispnea, depressione del sistema nervoso centrale, sudorazione e, nei casi più gravi, convulsioni.                                                Paola Chiaraluce-Erboristeria “Agli Antichi Rimedi” – Corso Acqui, 133 -Alessandria

Pubblicato da erbagliantichirimedi

Erborista da 25 anni nel mio negozio, sito in Corso Acqui, 133 ad Alessandria nel popoloso quartiere Cristo, fin dall'adolescenza, nutro una passione per il mondo del naturale, in modo particolare per la fitoterapia. Di questa passione, di cui devo ringraziare la mia adorata nonna paterna, ne ho fatto un lavoro che mi appaga e mi appassiona giorno dopo giorno.