Tè bancha: proprietà e benefici per la salute

Avete già sentito parlare del tè bancha? È una bevanda ormai piuttosto conosciuta anche in Italia. Da sempre utilizzata in macrobiotica, questo tipo di tè, è ricco di proprietà e benefici per la salute.

Cos’è il tè bancha

La bevanda si ottiene per infusione delle foglia e dei rametti della Camelia Sinensis, l’omonima pianta del tè. Appartiene alla famiglia del tè verde, che noi tutti conosciamo. Quest’ultimo è conosciuto per le sue proprietà drenanti e depurative nonché per la bassa percentuale di teina presente.

Il bancha è una qualità più pregiata rispetto al tè verde http://erbagliantichirimedi.altervista.org/verde-benefici-la-salute-controindicazioni/  : anche se si tratta della stessa pianta, ciò che cambia è la modalità di raccolta della materia prima. Mentre le foglie per ottenere il tè verde, vengono raccolte a inizio stagione di maturazione, per il tè bancha si aspetta la fine della stagione, quando le foglie e i rametti raggiungono una qualità migliore e la percentuale di teina (già bassa nel tè verde) scende ulteriormente.

Questo tè diventa una buona abitudine se introdotto giornalmente nella nostra giornata. Lontano dai pasti o come suggerito dalla macrobiotica, durante i pasti, perché favorisce la digestione.

‌Le proprietà del tè bancha

Esistono due tipologie di tè bancha: hojika e kukicha. È con questi nomi che si trovano sul mercato e sarà più facile distinguerli.

La variante hojika è ottenuta dalle foglie dell’albero di tè verde. La seconda tipologia, il tè kukicha è ottenuto dai rametti tostati della pianta, invecchiata per tre anni. Per questo motivo a volte lo si chiama tè dei rametti o tè dei tre anni.

In virtù dello scarsissimo contenuto di teina, il tè banca è una bevanda estremamente salutare e buona. Il suo gusto è meno consistente rispetto al tè verde e si presta ad essere consumato in ogni momento della giornata.

Questo tipo di tè è indicato anche per i bambini, perché quasi totalmente privo di teina e con proprietà remineralizzanti.
È consigliato nelle diete detossificanti perché aiuta ad eliminare le tossine accumulate.

Le principali proprietà 

Le proprietà del tè bancha sono:

digestive e stomachiche;

depurative;

energetiche;

antiossidanti.

Inoltre:

aiuta a mantenere sotto controllo i tassi di lipidi nel sangue (colesterolo, trigliceridi)

mantiene attivo il metabolismo;

favorisce la digestione, soprattutto se consumato tiepido;

-aiuta il lavoro del fegato.

Tè bancha: cosa contiene

È ricco di calcio, ferro e sali minerali ed è ottimo da consumare anche lontano dai pasti per ritrovare vigore ed energia. Inoltre, contiene molti antiossidanti tra cui catechine, fenoli, vitamine A, C, E, zinco e selenio che lo rendono un elisir utile per mentenere l’organismo in buono stato di salute, regalandogli un’ottimale forma fisica, senza gli effetti collaterali della teina.

Quando utilizzarlo

Come già accennato, il tè bancha è consigliato a tutti: ragazzi, adulti, bambini e anziani. Idratarsi è importante e l’acqua è fondamentale per la vita. Dobbiamo considerare però che ognuno di noi ha una propria costituzione fisica: un gran quantitativo di acqua da eliminare, comporta un maggiore lavoro per i reni. Alcuni soggetti come i soggetti affatto fa insufficienza renale o in dialisi, non possono introdurre grandi quantità di liquidi.

È  una regola generale, quindi, bere con costanza durante il giorno, ma senza strafare.

Nelle giornate fredde, soprattutto, ciò che conta maggiormente è introdurre bevande calde e il tè bancha è senza dubbio una delle migliori: capace di idratare l’organismo, migliora le funzionalità organiche e dona energia. In queste giornate sono da prediligere infusi o tè caldi, come il tè bancha, che sono maggiormente consigliati.

Dove acquistarlo

Il tè bancha è reperibile nelle erboristerie e negli store di alimenti biologici e di macrobiotica.

Paola Chiaraluce -Erboristeria “Agli Antichi Rimedi” – Corso Acqui, 133 -Alessandria

Precedente Lisina: definizione, proprietà, funzioni e controindicazioni Successivo Piperina e curcuma: benefici, proprietà e controindicazioni